lunedì 4 maggio 2009

I potenti vogliono censurare la rete


La libertà è un bene inalienabile. Persino Dio, il Quale ci ha creati, non ha voluto limitare la libera espressione della nostra volontà.
Egli, che ha scolpito nelle coscienze l'imperativo categorico della legge morale, ci ha lasciati completamente liberi di scegliere e di operare. La grandezza della specie umana è tutta in questo assoluto, incisivo, tronco trisillabo: libertà. In nome di esso si sono combattute e si combatteranno le più fiere battaglie.
Gli spiriti sinceri, consapevoli, veramente rispettosi della propria e dell'altrui dignità non riusciranno mai a comprendere come possa l'uomo, in nome di un potere dispotico, pretendere di privare della libertà i suoi simili soltanto per garantire il mantenimento di un assetto socio-economico costituito a favore di oligarchie fameliche e parassitarie.
Ma, se le cose stanno così, la libertà ha davvero le ore contate. Peccato che ad avvertirne il pericolo siano ancora pochissimi!

2 commenti:

Angela ha detto...

Grazie caro amico per la lettura che fai dei miei post e la tua solidarietà...non siamo così pochi, vedrai che la resurrezione avviene anche nella storia dei popoli!
In attesa, chiediamo Luce!

evergreen ha detto...

Speriamo...