mercoledì 24 dicembre 2008

Il generale Fortebraccio Della Rovere, alias il pregiudicato Giovanni Bertone


"Sua Eccellenza Della Rovere, generale di corpo d'armata, amico intimo di Badoglio e consigliere tecnico di Alexander, fu rinchiuso dai tedeschi nel V raggio della prigione di San Vittore nella primavera del 1944. Il prestigio del generale era così alto presso i secondini italiani che essi non si sentivano più tenuti ad osservare nei suoi confronti il regolamento di disciplina. Entrando tutti si mettevano sull'attenti, anche i comunisti, e facevano un inchino."
(Dai ricordi di Indro Montanelli)

"No,no", fece Muller scotendo la testa, "è l'unico modo di riparare l'errore che abbiamo commesso fucilando quell'uomo. Noi tedeschi giudichiamo questo paese dai suoi generali veri. È su quelli falsi che va misurato..."
(Da "Il Generale Della Rovere" di Indro Montanelli, pag. 110)

Giudizio feroce ma basato sui fatti. Se, per riscattare dignità e onore, fu necessario andare a prestito da un ex truffatore, il nostro è davvero un paese infelice! O forse lo è stato.

3 commenti:

XPX ha detto...

Tutt'ora lo è ....

azzurra ha detto...

Ciao,
visitina e voglia di augurarti Buon Natale!

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.