giovedì 8 gennaio 2009

Grande pagina

Matteo 6:1-18

Condanna del formalismo religioso

1 «Guardatevi dal praticare la vostra giustizia davanti agli uomini, per essere osservati da loro; altrimenti non ne avrete premio presso il Padre vostro che è nei cieli. 2 Quando dunque fai l'elemosina, non far sonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere onorati dagli uomini. Io vi dico in verità che questo è il premio che ne hanno. 3 Ma quando tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra quel che fa la destra, 4 affinché la tua elemosina sia fatta in segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa».

Istruzioni di Gesù sulla preghiera

5 «Quando pregate, non siate come gli ipocriti; poiché essi amano pregare stando in piedi nelle sinagoghe e agli angoli delle piazze per essere visti dagli uomini. Io vi dico in verità che questo è il premio che ne hanno. 6 Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta e, chiusa la porta, rivolgi la preghiera al Padre tuo che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa. 7 Nel pregare non usate troppe parole come fanno i pagani, i quali pensano di essere esauditi per il gran numero delle loro parole. 8 Non fate dunque come loro, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate. 9 Voi dunque pregate così: "Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; 10 venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà anche in terra come è fatta in cielo. 11 Dacci oggi il nostro pane quotidiano; 12 rimettici i nostri debiti come anche noi li abbiamo rimessi ai nostri debitori; 13 e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno. [Perché a te appartengono il regno, la potenza e la gloria in eterno, amen.]" 14 Perché se voi perdonate agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; 15 ma se voi non perdonate agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe».

Il digiuno

16 «Quando digiunate, non abbiate un aspetto malinconico come gli ipocriti; poiché essi si sfigurano la faccia per far vedere agli uomini che digiunano. Io vi dico in verità: questo è il premio che ne hanno. 17 Ma tu, quando digiuni, ungiti il capo e lavati la faccia, 18 affinché non appaia agli uomini che tu digiuni, ma al Padre tuo che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa».

6 commenti:

Lara ha detto...

Bellissime citazioni contro gli ipocriti.
Diceva Giorgio Colli: "Adesso che tutti i tabù sono superati, ridicolizzati, non rimane che eliminare l'ipocrisia. Ma l'ipocrisia è l'ultimo baluardo, dove la potenza della morale, braccata da ogni parte, ha trovato rifugio".

Un caro saluto,
Lara

evergreen ha detto...

Se dovessi salvare soltanto una pagina del vangelo, senza alcun dubbio sceglierei questa. Vi si respira aria di libertà, di bellezza, di infinito, di sincerità, di fiducia...

Lara ha detto...

Sì, è una ottima scelta anche per me.
Ciao Evergreen!

Peppe ha detto...

Hai una conoscenza delle sacre scritture molto vasta, ma sei forse un diacono permanente?

evergreen ha detto...

No...! Sono abbastanza lontano dai riti, dai precetti e dalla organizzazione ecclesiale. Potrei definirmi un solitario cercatore di Dio, un suo "adoratore in spirito e verità", senza intermediari interessati e talvolta ingannevoli. Ma con questo non voglio dire che i diaconi non debbano o non possano esistere. Anzi! Ci sarebbe tanto bisogno di "diaconi" veri, cioè di persone veramente al servizio del prossimo.....

frufrupina ha detto...

Ciao dolcissimo Ever,belle frasi....queste citazioni fanno sempre piacere leggerle....serena serata.Bacioni.