giovedì 27 ottobre 2011

Una consolazione della vita (2)


Qualcuno potrebbe dire: gli amici. 
Ma gli amici sono precari al pari della vita e delle sue fortune. Dum felix eris multos numerabis amicos...
In genere l'amico ti è vicino fino a quando tu puoi essergli utile. Quando invece sei tu ad  aver bisogno di lui, l'amico è quasi sempre pronto ad eclissarsi. La mia esperienza mi porta a non fidarmi troppo degli "amici" e a non considerarli al di sopra dei loro effettivi meriti. Siamo spesso noi stessi che, seguendo una visione classica e pura dell'amicizia, li idealizziamo oltre il dovuto. 
Proprio per questo rimaniamo profondamente delusi dai comportamenti poco"amichevoli" degli amici. Del resto anche io temo di averne deluso più d'uno. Non è quindi tra loro che va cercata la consolazione e il conforto della vita.
Per conto mio essa risiede nell'amore, nell'affiatamento, negli affetti e nella solidarietà che viene ad instaurarsi tra le persone più care: moglie, figli,  padre,  madre sono quelli che generalmente non tradiscono mai e non vengono mai meno nel momento del bisogno.
La consolazione porta il loro nome (almeno per me).

7 commenti:

Tomaso ha detto...

Tutto vero caro Pino, però credimi esiste anche l'amicizia che è pronta ad aiutarti e consigliarti quando hai bisogno, non so il perché io ci credo di questo, sicuro che la parola che dice! chi trova un amico trova un tesoro...
Per questo gli amici sono rari.
Buona serata caro amico.
Tomaso

evergreen ha detto...

Penso senza presunzione, caro Tomaso, di essere stato molto amico dei miei amici ma non tutti hanno saputo contraccambiare. Almeno credo!
Buona serata anche a te, ottimo Tomaso!

Liliana ha detto...

Pino tu sei stato fortunato ad avere gli affetti della tua famiglia, cosa che invece non accade a me. Forse salverei solo i miei genitori, nonostante si litighi alle volte, però sono quelli che mi amano incondizionatamente. Dagli amici poi che chiamerei "conoscenti", ci si può aspettare di tutto. Sei buono solo quando servi, come tu hai detto. Poi, ognuno pensa alla sua barca. E' triste, ma è così. Mi dispiace molto, ma mi consola dire che dei veri amici,li ho trovati qui sul web, perchè sono pronti ad aiutarti, e non solo moralmente, ma anche... materialmente. C'è un'amica ad esempio che, sapendo che sono disoccupata, quando può va a ricaricarmi la mia scheda telefonica.... carino vero? E un'amico che...sapendo che avevo alcuni problemi con la salute, ha lasciato il posto di lavoro, andando lui a parlare per me ad un istituto a Milano. Guarda.... mai trovate persone così.
E ci sei anche tu che, con la tua simpatia e soprattutto la tua educazione e il rispetto verso gli altri, amante delle cose belle e autentiche della vita, come ad esempio la musica classica,e non quella "rumorosa" sai dare più di chiunque altro. Rimani come sei, ma credo che ... non dovrò avere dubbi su questo ;-)
Un abbraccio.

Liliana

evergreen ha detto...

Grazie per quello che hai scritto e per le parole buone che hai avuto per me. Un abbraccio, cara Liliana, e buona serata!

Paolo ha detto...

Forse bisognerebbe non avere mai bisogno di alcuno e ... esser pronti, per quanto ci è concretamente possibile, ad aiutare.
Per ragioni di salute o per altri mille motivi potremmo aver bisogno di chi ci è da sempre vicino o di chi si professa e si freggia del titolo dell'amicizia ... è che ognuno intende le cose a proprio modo, o forse non vediamo i limiti altrui che come cani alla catena vorrebbero aiutare ma non possono ... perchè ci sono altre priorità da soddisfare, altre urgenze a cui rispondere . E' un tema complesso, forse occorre indulgenza nel giudicare gli altri (questo mi ripeto spesso ...), comunque per quanto mi è possibile mi faccio roccia e cerco di non mettermi mai nella condizione di dover chiedere niente a nessuno: neanche all'amore.

Paolo ha detto...

Ma tutto quello che viene spontaneamente dal cuore di chiunque... anche se non richiesto, è accettato come la manna dal cielo:-) e ovviamente ricambiato.
La solidarietà umana è la vera ricchezza.

evergreen ha detto...

Condivido tutto il tuo pensiero, caro Paolo! A volte anche fare del bene è difficile perché qualcuno o qualcosa ti impedisce di farlo. E la regola del non chiedere mai è una regola d'oro. Infatti è meglio dare che ricevere...