mercoledì 25 gennaio 2012

Dei terremoti, del terrorismo e del cristianesimo adulto


Ieri, al Teatro Parenti di Milano, la prima delle tre repliche dello spettacolo teatrale di Romeo Castelluci "Sul concetto di Volto nel Figlio di Dio".
Oggi, secondo alcuni cattolici, la puntuale e vendicativa risposta di Dio. Ecco l'opinione di una di essi fedelmente copia-incollata:
"intanto....per chi la vuole capire: stamani FORTE SCOSSA DI TERREMOTO A MILANO.... in sè la scossa era di magnitudo 4.9 qualcuno riferisce di magnitudo 5.0 ma ciò che è interessante per noi è la CASUALITA' DEL MOMENTO e la città, una zona NON sismisca e, a seconda degli esperti, non si avvertiva così forte da secoli, non si ha memoria....
Grazie a Dio nessun danno perchè "Dio non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e creda!" dice la Bibbia....e noi non crediamo al caso, crediamo piuttosto che Dio governa il mondo e che le tenebre che lo avvolgono non ci permettono di crederlo, di vederlo...noi crediamo che Gesù ha il potere di sedare le tempeste, come ci dimostra nel Vangelo....noi crediamo che il Caso (C maiuscola) esista nell'ordine in cui Dio vuole comunicarci qualcosa....nella Bibbia leggiamo che la voce di Dio somiglia per certi versi AD UN TUONO...., lo Spirito Santo, leggiamo negli Atti, giunse a Pentecoste "COME ROMBO DI TUONO".... no! non esiste il caso, TUTTO E' GOVERNATO MAGISTRALMENTE DA DIO....il detto "non si muove foglia che Dio non voglia" è una realtà che invitiamo tutti a meditare..."
Concludendo: il terremoto avvertito a Milano e nel Nord-Est dell'Italia altro non sarebbe che l'espressa indignazione di Dio per uno spettacolo ritenuto blasfemo, la minaccia di future e più gravi punizioni nei riguardi una città che si è presa gioco di Lui  per aver consentito un gravissimo affronto al Volto del Figlio.
Queste arbitrarie prese di posizione sono l'altro nome del terrorismo.
La paura di pene terrene ed ultraterrene, lo spauracchio di castighi, la minaccia incombente della collera divina sono stati i cinici ingredienti di quel meccanismo psicologico che da sempre ha irretito milioni di uomini  rendendoli vittime di enormi soprusi e di immani sensi di colpa.
Un cristiano adulto ha il dovere di respingere al mittente simili affronti all'intelligenza umana.
Un cristianesimo maturo non può consentire di far rivivere barbarie durate millenni.
Di sofferenze, lagrime, dolori e sangue ne abbiamo già abbastanza per conto nostro.
Dio non può "divertirsi" con terremoti a scopo pedagogico né con altre calamità naturali per terrorizzare le sue creature.
Questo non è degno di un Padre. Questo non è degno di Dio.
Questo è sadismo allo stato puro partorito dalla mente malata dell'uomo.

3 commenti:

Tomaso ha detto...

Visitandoti cara Pino scopro tante cose che non so e che non posso sapere essendo che leggo poco i giornali, grazie di esserci con il tuo blog.
Tomaso

evergreen ha detto...

So di non sapere, caro Tomaso!
Buona serata, ottimo amico.
Pino

Liliana ha detto...

Credo che quelli che dicono che Dio punisce... siano davvero poco intelligenti e direi anche...imbecilli e fanatici! Il fanatismo nella chiesa è molto pericoloso ed è un sinonimo della superstizione, che non ha nulla a che fare con Dio. Dio ci ha dato il libero arbitrio. Ci ha mostrato la strada e ci ha detto quale era la verità e quale non lo era. L'uomo ha abusato del libero arbitrio scegliendo la strada sbagliata, per cui...non è colpa di Dio se l'uomo STA ROVINANDO il pianeta. Siamo noi gli unici responsabili di tutto ciò che accade.
Dio non punisce nessuno. Un Dio misericordioso come può punire????
Ancora oggi purtroppo, per questa ignoranza e fanatismo, continuano ad esserci le guerre fra i popoli. Dio è UNO e tutti siamo UNA COSA SOLA. Non esiste una religione migliore dell'altra. Non siamo divisi. Siamo tutti in LUI. Torniamo al Centro! L'ecumenismo ce lo insegna!

Liliana