sabato 14 novembre 2009

Traduzione dal latino

Silvius Berlusconi ante iudices vocabitur

Tribunal Italicum, cuius munus est de legum communium congruentia cum lege suprema iudicare, sollemniter constituit legem nomine ministri Alfano appellatam, qua quattuor summi magistratus ante iudices per totum mandatum deferri non possint, legi supremae incongruam esse. Quare Silvius Berlusconi, minister primarius Italorum, in ius vocabitur corruptelae, fraudis et adulterationis accusatus: qui se dixit minime magistratu se abdicaturum esse et iudices et rei publicae praesidentem accusavit, quod sinistrae parti faveant.

Silvio Berlusconi dovrà rispondere in giudizio

La Corte Costituzionale Italiana, che ha il compito di pronunciarsi sulla costuzionalità/incostituzionalità delle leggi, ha solennemente dichiarata incostituzionale la legge Alfano, in virtu della quale le quattro più alte cariche dello Stato non possono essere giudicate per l'intera durata del (loro) mandato. Per questo Silvio Berlusconi, presidente del Consiglio dei Ministri italiano, sarà chiamato a rispondere (dei reati) di corruzione, di frode e falso (in bilancio): ma egli ha detto che non si dimetterà affatto ed (anzi) ha accusato i giudici ed il presidente (della Repubblica) perché orientati a (favorire la) sinistra (alias sono comunisti).

4 commenti:

evergreen ha detto...

Secondo la Carlucci, solerte parlamentare del Partito Di Lui, anche la ingenua Professoressa di Lettere, che ha avuto l'ardire di far tradurre ai suoi alunni questo breve brano dal latino in italiano, è una pericolosa comunista ed è vergognoso che nella scuola italica avvengano queste cose. Per questo l'onorevole del PDL, per difendere l'onore del suo Capo, ha presentato addirirttura un'interrogazione in Parlamento. Vergognoso è ben altro, cara parlamentare del PDL! Vergognosa è questa caccia all'untore, vergognoso è che Lei perda il suo tempo in simili interrogazioni, vergognoso è che per questo Lei venga profumatamente pagata con i nostri soldi!

evergreen ha detto...

Ed è ancor più vergognoso che il suo Capo tenti in tutti i modi di sfuggire ai processi...

Tomaso ha detto...

non mi sento di fare commenti mi sembra una novella senza fine. se c'é un processo bisogna farlo! io sono molto ignorante scusatemi.
Tomaso

evergreen ha detto...

Carissimo Tommaso, la tua non è ignoranza...è saggezza e sapienza! Il saggio e il sapiente sono appunto coloro che "sanno" di non sapere. Socrate insegna! O - come dicono i dotti - docet!