venerdì 9 dicembre 2011

Questa non è democrazia...


La nostra è ormai una oligo-pluto-gerontocrazia cammuffata.
Con una qualche venatura di velino-crazia comparsa negli ultimi anni.
La gloriosa democrazia, la quale - ironia della sorte - nacque e si sviluppò proprio nella Nazione che oggi divide con noi lo stesso amaro destino, è ben altra cosa. 
Essa è esercizio consapevole di diritti e di doveri. È condivisione di scelte. È garanzia di ordine sociale e di sviluppo economico. È partecipazione, progresso, civiltà.
Una democrazia veramente funzionante e ben consolidata non manca di produrre i suoi buoni frutti.

Quando il  il terrorismo, con il suo tragico rituale, comincia a farsi sentire, allora vuol dire che la democrazia è gravemente ammalata o, più semplicemente, non esiste più.

Ma se si vuole combattere non solo a parole la violenza, conviene eliminarla alla fonte.
Conviene cioè che le Istituzioni (Banche comprese) siano credibili e che siano servite da persone irreprensibili, serie, giuste, capaci di farle funzionare nell'interesse di tutta la collettività nazionale e sopranazionale.

Ed è quello che, secondo me, ci vuole in Italia.

Nessun commento: