martedì 28 febbraio 2012

Un grazie grandissimo

Le emozioni occupano un posto importante nella vita. Sono una sana boccata di ossigeno che fa bene alla mente e al cuore. Attraverso le emozioni l'anima si sorprende a vibrare finalmente all'unisono col mondo e si ritrova in perfetta sintonia con i propri simili. Credo che gli uomini sarebbero certamente migliori se sapessero vivere con maggiore pienezza le emozioni e sapessero valorizzarle per quello che sono: i conduttori "elettrici" della felicità. 
A sua completa insaputa, un dotto Professore campano mi ha regalato nei giorni scorsi emozioni di forte intensità riportandomi alla memoria gli anni ormai lontani della giovinezza.
La sua commossa commemorazione dei nostri comuni Maestri (casualmente incrociata nel vasto mare del web), la loro accurata biografia, frutto di pazienti ricerche, la copia di una bellissima lettera autografa del Prof. Meles, insigne latinista e grecista, mi hanno fatto ritornare indietro nel tempo e, con un balzo di mezzo secolo, mi hanno consentito di illuminare a giorno gli angoli oscuri dei ricordi.
Grazie Prof. Di Palma! Grazie per la gioia che, senza nemmeno saperlo, hai donato ad un tuo antico compagno di Liceo, suscitando in lui emozioni e ricordi. Grazie ancora e complimenti per la tua scrittura vivida, immediata ed efficace.

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Molto bello sentire ciò che dici caro Pino i bellissimo momenti del passato arrivano sempre ad allegrarci quando meno te la aspetti.
Buona serata amico.
Tomaso

evergreen ha detto...

Grazie della costanza con la quale mi segui, ottimo Tomaso! I ricordi sono una parte importante di noi...

Unknown ha detto...

che strano incontrare un vecchio compagno di ginnasio e liceo, quale giuseppe Dibenedetto, sul web
un bellissimo ricordo dei professori Pifano e Ficucelli
Ne ricordo la dolcezza ed il garbo.
Ma il ricordo va ai tanti ragazzi con i quali condividevamo tante cose, ma tante aspirazioni diverse, in un mondo semplice fatto solo di piccole illusioni e grandi aspirazioni.
Il tempo non cancella i ricordi che ritornano con la tristezza di non esserci incontrati piu.
Rocco Ferrara di Sarconi. Ingenere a Taranto

Giuseppe Di Benedetto ha detto...

Caro Rocco, non so se mi leggerai. Solo oggi vedo il tuo commento al mio post di sei anni fa. Ti ringrazio del ricordo e delle commosse parole che hai voluto dedicare q quel periodo della nostra vita che ci vide accomunati dagli stessi ideali e dalle stesse aspirazioni. Eravamo piccoli ma capaci di ricevere e mettere a frutto quei valori fondamentali che fanno di una persona un uomo, di un uomo un pezzo importante dela umanità intera. Un fraterno abbraccio.