giovedì 6 dicembre 2012

La vecchia siracusana e Dionigi il tiranno

Mi è tornata alla mente questa versione dal latino dei miei verdissimi anni. E vorrei proporla - con la traduzione - ai miei dieci lettori. Ogni riferimento all'attuale situazione italiana è espressamente voluto.

Anus quaedam, cum Syracusani omnes Dyonisii tyranni mortem optarent propter nimiam morum acerbitatem et animi saevitiam, sola cotidie deos precabatur ne tyrannus morte raperetur. Ubi hoc Dionysius cognovit, admiratus non debitam benevolentiam, arcessivit anum et cur ita faceret sciscitatus est. Tum illa:" Hoc facio sciens. Cum enim puella essem et a saevo tyranno Syracusani opprimerentur, ego mortem eius optabam. Cum autem is necatus est, tyrannus taetrior dominationem occupavit de cuius exitio deos precabamur. Nunc tu dominationem adeptus es, qui pessimus et crudelissimus omnium es. Quaproter ego, verens ne deterior sequatur, si tu opprimaris, deos precor ut diu te servent".

Traduzione

Mentre tutti i siracusani si auguravano la morte del tiranno Dionigi per l'eccessiva severità dei modi e la ferocia di animo, soltanto una vecchia ogni giorno pregava gli dei affinchè il tiranno non morisse. Quando Dioniso venne a saperlo, incuriosito per l'immeritata benevolenza, fece chiamare la vecchia e chiese il perchè facesse questo. Allora quella: lo faccio ben consapevolmente. Quando ero giovane e i siracusani erano oppressi da un crudele signore, io pregavo per la sua morte. Quando quello fu ucciso, un tiranno ancora più malvagio prese il potere e noi chiedevamo agli dei la sua fine. Ora sei venuto a governarci tu, che sei malvagio quanti altri mai e crudelissimo. E per tale ragione, nel timore che alla tua morte ti succeda uno ancora peggiore, prego gli dei che ti conservino a lungo.
P.S.: ho dovuto eliminare il precedente analogo post, che nella parte commenti era diventato il bersaglio privilegiato di ogni genere di spam, e l'ho fedelmente riscritto perché oggi più che mai la situazione italiana mi pare assai vicina a quella vissuta dalla simpatica vecchietta di Siracusa.

3 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Pino, non è un segreto che leggo poco e ho letto meno.
Quando mi trovo davanti un racconto non troppo lungo, ecco la mia curiosità di finirlo leggere, oggi mi è capitato questo. Grazie del bel racconto che assomiglia quasi reale dei nostri tempi.
Buona serata caro amico.
Tomaso

evergreen ha detto...

Caro Tomaso, la brevità e la sintesi alla nostra età sono le cose che apprezziamo di più. Hai perfettamente ragione! Le lungaggini non fanno per noi...
Buona serata.
Pino

Anonimo ha detto...

La vecchietta di Siracusa già sapeva che al peggio non c'è mai fine !!!!!!!