venerdì 4 febbraio 2011

Renan e il monellaccio di Parigi


"La base di quegli antichi procedimenti educativi era una moralità severa, ritenuta inseparabile dalla pratica religiosa, una maniera di considerar la vita come implicante doveri verso la verità. La stessa lotta per liberarsi da opinioni in parte poco razionali aveva i suoi vantaggi. Dal fatto che un monellaccio di Parigi respinga per celia credenze da cui la ragione di un Pascal non riuscì a districarsi non bisogna tuttavia concludere che Gavroche sia superiore a Pascal. Lo confesso, io mi sento tal volta umiliato a pensare che mi siano occorsi cinque o sei anni di fervide ricerche, l'ebraico, le lingue semitiche, Gesenius, Ewald, per arrivar giusto al resultato cui perviene di primo acchito quel birichino. 
Coteste sovrapposizioni di Ossa su Pelio mi apparivano allora come una enorme illusione. Ma il Padre Hardouin diceva che non s'era levato per quaranta anni alle quattro del mattino per pensare come tutti.
Io non posso ammettere egualmente che mi sia dato tanta pena per combattere una pura chimera bombinans. No, io non posso credere che le mie fatiche siano state vane, né in teologia si possa aver ragione a così buon mercato come credono i burloni. In realtà poche persone hanno il diritto di non credere al cristianesimo. Se tutti sapessero di quanto solida rete sia il ricamo intessuto dai teologi, come difficile sia il romperne le maglie, quale erudizione vi sia spiegata, quale abitudine occorra per snodare ciò!...
Io ho notato che ingegni eccellenti, messisi troppo tardi a questo studio, sono rimasti così impigliati nella pania da non potersene svellere.
I miei maestri m'insegnarono, per altro, qualcosa che valeva infinitamente meglio che la critica o la sagacità filosofica: mi addestrarono all'amore della verità, al rispetto della ragione, al serio della vita. Ecco la sola cosa in me che non abbia mai variato.
Uscii dalle loro mani con un sentimento morale così pronto ad ogni prova, che la leggerezza parigina poté in seguito patinar questo gioiello senza per altro alterarlo. Fui a tal segno formato per il bene, per il vero, che  mi sarebbe stato impossibile seguire una carriera non votata alle cose dell'anima." 
(E. Renan -  "Ricordi d'infanzia e di giovinezza")

7 commenti:

Tomaso ha detto...

"Ricordi d'infanzia e di giovinezza"
E. Renan Lo a lasciato per tutti, gli insegnamenti che ha ricevuto è stata una sua prima esperienza per poi affrontare la vita purtroppo non tutti ciò che viene insegnato lo ricordano sempre.
Buona serata caro Pino.
Tomaso

evergreen ha detto...

Buona serata, carissimo Tomaso e grazie per il tuo costante affetto.
Un abbraccio.
Pino

Raffaele ha detto...

Ciao Carissimo Pino

OGNI CONTEMPLATA VITA E' UN TESORO D'IMMENSA SAGGEZZA....

Scusandomi con la tua preziosa persona se non è il tema del tuo post, ma solo una proposta che sottopongo al vaglio della tua saggai bella persona, come anche di cancellarla se non è attinente alle tue giuste inclinazioni.

L'intento, soprattutto in questo nostro martoriato tempo, è solo per cercare di aiutare in sinergia, qualche amico/amica di questa tua assai saggia casa virtuale.

Mio fratello ha una bella azienda che si occupa di arredamenti per aziende commerciali/artigianali o di vendita. Inoltre, oltre alla propria specializzata struttura organizzativa, si avalla di numerosi architetti e maestranze per realizzare delle particolari opera anche su misura....

Anche se la distanza non ci è propizia per la nostra cara Sicilia, ha anche fatto diversi locali anche Rimini a Roma ed anche a Monaco... Visto che io collaboro con lui, parlandone, ha intenzione di estendere la sua attività anche fuori dal nostro radioso sole.

L'espansione dell'attività oltre il normale contesto operativo o territorio, richiede anche e soprattutto il supporto di validi agenti qualificati nel settore ed anche di volonterosi/attenti procacciatori d'affari.

Per meglio capire di cosa parlo, se qualcuno è interessato per rinnovare o creare una nuova attività commerciale o gestire qualche settore come rappresentanza, vi chiedo cortesemente di dare un occhiata su questo sito. http://www.caviparredamenti.it/

Per le persone non qualificate nella categoria di agenti, ma propensi ad iniziare questa attività come procacciatori, gli unici requisiti sono; spiccata libera attinenza alle relazioni e una buona dose di attenzione ed intuizione nelle valutazioni dell'affidabilità di un potenziale nuovo cliente.....

In ambi i casi, e forse questo è l'unico Handicap iniziale dovuto alla distanza, prima di ogni cosa, è necessario conoscere l'azienda per valutare le sua capacità/potenzialità di risposta alla domande di mercato. Questo richiede quel giusto necessario colloquio di presenza....

Qualora qualche amico/amica fosse interessato/a all'oggetto di quanto è stato evidenziato, la prego cortesemente di contattarmi a questa email per chiarimenti o spiegazioni ulteriori.
raffaele55@ymail.com

Affettuosamente
Raffaele

(non è pubblicità, ma forse un modo per aiutare il prossimo)

evergreen ha detto...

@Raffaele: il mio blog è a disposizione per quel poco che può essere visibile a chi è interessato/a alla tua generosa offerta. Di questi tempi è raro trovare occasioni di lavoro. Grazie per averla proposta.
Un caro saluto e buona fine settimana nella tua splendida Sicilia, terra ospitale e ricca di colori e calore.

Giusy.. ha detto...

Ciao Pino...che bello trovare scorci d'epoca.
I ricordi son sempre belli.
Serena serata caro Amico mio.
Un sorriso:)

evergreen ha detto...

Cara Giusy, grazie del passaggio e del ricordo.
Un abbraccio.
Pino

giardigno65 ha detto...

e che animna sia ...