giovedì 18 giugno 2009

Dietrologia? Forse no.

D'Alema parla di "scossa" al governo. Da politico navigato ed accorto, egli forse allude a"un siluro"che ptrebbe partire contro il governo non si sa quando, né come né da chi, probabilmente anche dalla stessa maggioranza. Insomma una "scossa" di tipo endogeno. Berlusconi invece continua a dire che è al centro di un eterno complotto della sinistra. Intanto sulle pagine del "Corriere della sera" un altro tentativo di screditare il Presidente del Consiglio per minarne la leadership. La ragazza di turno, questa volta barese, bella presenza, agganci con personaggi vicini al PDL, candidata a Bari in una lista che sostiene Di Cagno Abbrescia, sarebbe disinvoltamente entrata a Palazzo Grazioli con addosso un registratore o addirittura una piccola telecamera! E dove sono finiti i doverosi controlli all'ingresso? Lo stesso vale per le foto a Villa Certosa. Possibile mai che nessuno della sicurezza del Premier abbia pensato di bonificare/controllare la zona circostante la residenza sarda? Con un ex Capo di governo di altro Paese presente in quei giorni nella villa? Così come è stato possibile fotografare poteva essere possibile mirare con un arma.
E poi da dove ha avuto origine tutto il can-can delle veline? Ieri Fini ha evocato scenari da "Deserto dei Tartari" e puntato l'indice sulla delegittimazione reciproca dell'avversario. E' cortina nebbiogena per nascondere o un chiaro avvertimento a Berlusconi di lasciar perdere nemici esterni immaginari e pensare invece ai nemici in carne ed ossa in casa propria? Sono tutte coincidenze o avvisaglie della "scossa" prossima ventura? Lo sapremo - spero - in un futuro non molto lontano.

Nessun commento: