martedì 20 novembre 2007

Paolo a Timoteo

2 Timoteo (3, 1 - 9)

Corruzione estrema degli ultimi tempi

1 Or sappi questo: negli ultimi giorni verranno tempi difficili; 2 perché gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanagloriosi, superbi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, irreligiosi, 3 insensibili, sleali, calunniatori, intemperanti, spietati, senza amore per il bene, 4 traditori, sconsiderati, orgogliosi, amanti del piacere anziché di Dio, 5 aventi l'apparenza della pietà, mentre ne hanno rinnegato la potenza. Anche da costoro allontànati! 6 Poiché nel numero di costoro ci sono quelli che si insinuano nelle case e circuiscono donnette cariche di peccati, agitate da varie passioni, 7 le quali cercano sempre d'imparare e non possono mai giungere alla conoscenza della verità. 8 E come Iannè e Iambrè si opposero a Mosè, così anche costoro si oppongono alla verità: uomini dalla mente corrotta, che non hanno dato buona prova quanto alla fede. 9 Ma non andranno più oltre, perché la loro stoltezza sarà manifesta a tutti, come fu quella di quegli uomini.

In questa lettera a Timoteo sembra che l'Apostolo delle Genti prefiguri esattamente l'andazzo cinico e crudele dei nostri tempi. Se però - come ritengo più probabile - egli si limitava a descrivere i costumi propri del suo, allora è vero che non c'è mai stato niente di nuovo sotto il sole!

Nessun commento: