martedì 27 luglio 2021

Lettera al nipotino che sta per arrivare (2)

 


Domenico Ghirlandaio - Adorazione dei pastori

        Carissimo Edoardo,

    i tuoi genitori hanno scelto per te questo bel nome elegante, derivato dalla tradizione anglosassone, appartenuto a principi e re, nuovo per la nostra famiglia ma dal nobile e suggestivo significato.

Edoardo, infatti, è “il curatore della proprietà”, “il custode dei beni”, “il guardiano della ricchezza” e anche “benedetto” e “ricco”.

Sit nomen omen!

Carissimo nipotino, tu non dovrai prenderti cura di castelli, ville, latifondi o colossali conti in banca ma sarai il custode della vera, autentica ricchezza: la ricchezza della virtù, dell’onestà, della rettitudine; la ricchezza del cuore, dei sentimenti e dell’altruismo.

Il mondo è povero oggi. Si è tanto insanguinato questo mondo ed è diventato povero. Diventa ricco tu guadagnando l’amore del mondo” (Kriton Athanasulis). In questo non facile compito verrai accompagnato e sorretto da un papà buono, tenero, generoso e da una mamma dolce, sensibile, determinata.

Quando verrai alla luce, ti sentirai subito circondato, oltre che dall’amore di papà e mamma, dall’affetto di nonni, di zie, di zii, di un delizioso cuginetto e -  cosa abbastanza rara di questi tempi -  anche di una longeva e lucida bisnonna.

Quante persone ti vorranno bene  e contano i giorni per abbracciarti!

Amato, coccolato e protetto, crescerai sicuramente sano, sereno, fiducioso, felice, come è giusto che crescano tutti i bambini del mondo.

Caro Edoardo, nel rivolgerti con nonna Lina il mio anticipato benvenuto tra noi, mi fa piacere accompagnarlo con alcuni consigli (sono dieci!) per quando sarai più grande. Se, come temo, dieci sono troppi e troppo lunghi, puoi passare direttamente all’ultimo, che - nella sua folgorante brevità - li compendia tutti o quasi tutti: 

  • sogna sempre, non avere paura di sognare e di coltivare liberamente i tuoi sogni. Essi sono la spinta per andare avanti, le molle che ci trasportano in alto, il sale e la bellezza della vita. Qualcuno, per scoraggiarci, ha voluto dare un altro nome ai sogni e ha definito “utopie” quelli più arditi, paragonandoli ai desideri impossibili concepiti in un’isola che non c’è, l’isola di “Utopia” che vuol dire appunto  “non luogo”. Ciononostante, anche l’utopia serve, eccome! Vedi cosa scrive al riguardo il famoso giornalista e saggista uruguaiano Eduardo Hughes Galeano, che - guarda caso! - porta il tuo stesso nome: “l’utopia è là all’orizzonte. Mi avvicino di due passi, essa si allontana di due passi; faccio dieci passi e l’orizzonte si sposta di dieci passi. Per quanto cammini, mai la raggiungerò. A cosa serve allora l’utopia? Serve a questo: a camminare”. Perciò sogna, sogna in grande, non smettere mai di sognare, caro Edoardo!
  • Quando, tra pochi giorni, aprirai gli occhi alle meraviglie del mondo, sappi che si saranno compiuti due miracoli: quello di una nuova vita che nasce e il miracolo dell’amore che l’ha resa possibile. “Omnia vincit amor et nos cedamus amori” (Virgilio). L’amore, caro Edoardo, è l’arma più potente che abbiamo per combattere le contrarietà della vita, la quale purtroppo non esita a presentare puntualmente il conto di sia pure incolpevoli fallimenti, di intese non sempre possibili, di tante speranze andate deluse. L’amore di papà e mamma è la dimostrazione evidente che alla fine l’amore vince su tutto. Per questo anche tu ama, ama sempre, non stancarti di amare
  • Da grande toccherà pure a te misurarti con le inevitabili insidie del destino ma saprai superarle facendo appello a tutta la tua forza interiore. Non puoi immaginare quanta energia si nasconde dentro ciascuno di noi e a quante risorse possiamo attingere in caso di bisogno. Se a ciò aggiungi anche una grande fiducia in Dio, allora niente riuscirà ad abbatterti. Non conosco metodi più efficaci di questo per evitare scoraggiamenti e paure. Fiducia in Dio e in te stesso: è tutto quello che serve per affrontare le avversità e tenerti lontano da psicologi, maghi, ciarlatani e pericolosi affini.

  • Ama e rispetta la Natura (la maiuscola non è casuale!). È infatti nella Natura che si dispiega in modo meraviglioso, incessante e sempre nuovo la misteriosa potenza creatrice dell’universo. E tu la Natura potrai incontrarla dovunque, ad ogni passo: in un filo d’erba che “non è meno di un giorno di lavoro delle stelle” (Walt Whitman), nell’arcobaleno, in un ciclamino, in un albero fiorito (“ogni volta che passo davanti a un mandorlo in fiore, mi tolgo il cappello" diceva Tonino Guerra, poeta, scrittore e sceneggiatore italiano); potrai scoprirla e ammirarla in una goccia d’acqua, nella pupilla e nel sorriso di un bimbo, nel cucciolo di un cane, in un gattino o in una farfalla, una coccinella, un ragno, una formica, un’ape, un grillo, un cavallo, una giraffa, nel volo solitario di un falco o di un gabbiano, nelle albe, nei tramonti, sulle montagne, sui mari, nei fiumi, nei ruscelli, nei laghi, nelle nuvole, nella volta scintillante del cielo, nei boschi e perfino nelle rocce. “Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà” (San Bernardo di Chiaravalle).
  • Ama e rispetta tutti gli esseri viventi che sono “i nostri piccoli fratelli cui il Creatore ha dato questa terra come casa insieme a noi. [...] Essi non vivono soltanto per noi ma per se stessi e per Dio, amano la dolcezza della vita quanto noi e servono il Signore meglio di quanto facciamo noi” (San Basilio, vescovo di Cesarea).
  • Ama e rispetta i tuoi simili, non fare differenze tra persone e non disprezzare il povero. Apriti ai bisogni del prossimo e, quando puoi, aiuta chi si trova nelle difficoltà, perché “non è l'atto religioso a fare il cristiano ma il prender parte alla sofferenza di Dio nella vita del mondo” (Dietrich Bonhoeffer, teologo luterano tedesco). A tal proposito, spero che da grande vorrai dedicare un po’ della tua attenzione ad un piccolo libro assai prezioso per l’umanità: il Vangelo. Non perderti, in particolare, il capitolo 5 di Matteo con il celebre “discorso della montagna” e le altrettanto famose “beatitudini”, perché “chi non ha letto il discorso della montagna non è in grado di sapere cosa sia il cristianesimo" (Francois Mauriac). E, sempre dello stesso Matteo, ti suggerisco il capitolo 25 nella sua parte conclusiva (31-46), lì dove viene descritto, con grandiosa scenografia, l’esito del giudizio finale. È in queste pagine che scoprirai l’insuperata bellezza e l’intima essenza della “buona novella”, molto lontana purtroppo dall’essere attuata dopo duemila anni di un cristianesimo vissuto all’acqua di rose.
  • Ama e rispetta il tuo lavoro, qualunque esso sia, perché soltanto con il lavoro potrai assicurarti dignità, libertà, autonomia e benessere.
  • Studia, studia tanto, studia sempre per prepararti nel miglior modo possibile a svolgere degnamente il tuo ruolo nella società. Senza un’accurata e seria preparazione non potrai andare da nessuna parte, caro Edoardo!
  • Cerca, inoltre, di prendere la vita con leggerezza “ché la leggerezza non è superficialità ma planare sulle cose dall'alto, non avere macigni sul cuore“ (Italo Calvino).
  • Infine, carissimo nipotino, “ama e fa’ ciò che vuoi” (Sant’Agostino).

                                                                  Con trepidazione ed affetto nonno Pino 

P.S.: so di essermi dilungato ben oltre il dovuto: la colpa è anche della tranquilla vacanza che sto trascorrendo a Torre San Giovanni e che mi concede, tra l’altro, tanto tempo libero da dedicare alla scrittura! 

Tu però, quando da grande mi leggerai, sii indulgente nei riguardi di questo nonno d’altri tempi, un nonno che ama la poesia, il latino, il greco, le citazioni e le massime; un nonno brontolone, prolisso, scontato e “rompiscatole”, come dice nonna Lina, ma che fin d’ora ti vuole bene e prega il buon Dio di farti crescere “in sapienza, età e grazia” (Vangelo di Luca 2, 52).

P.P.S.: chiudo finalmente questa lunghissima, interminabile lettera con un’ultima citazione. È di autore anonimo e questa volta non è per te ma per mamma e papà. Eccola:

       "Il bambino impara ciò che vive:

  •  se vive nel rimprovero, diverrà un intransigente;
  • se vive nell'ostilità, diverrà un aggressivo;
  • se vive nella derisione, diverrà un timido;
  •  se vive nel rifiuto, diverrà uno sfiduciato;
  • se vive nella serenità, diverrà più equilibrato;
  • se vive nell'incoraggiamento, diverrà più intraprendente;
  • se vive nell'apprezzamento, diverrà più comprensivo;
  • se vive nella lealtà, diverrà più giusto;
  • se vive nella chiarezza, diverrà più fiducioso;
  • se vive nella stima, diverrà più sicuro di sé;
  • se vive nell'amicizia, diverrà veramente amico per il suo mondo!"

 Ugento, Torre San Giovanni, 25 luglio 2021, giornata mondiale dei nonni

mercoledì 9 giugno 2021

Giusto per chiarire!

Due paroline ai miei quattro amici per dire in cinque punti la mia posizione sul problema “migranti”.

1. Parto da un proverbio arabo che trovo splendido nella sua verità e che recita testualmente: “la terra è di Dio”. Il pianeta che abitiamo ci è stato dato infatti come casa comune dove però gli egoismi individuali e collettivi hanno nel tempo disegnato confini invisibili ed eretto muri invalicabili per escludere la maggior parte degli uomini dal possesso e dal godimento dei beni della terra.

2. Lo sfruttamento intensivo e prolungato delle risorse di intere regioni africane, i terribili mutamenti climatici intervenuti nel recente periodo, hanno determinato squilibri economici insanabili tra Paesi ricchi e Paesi poveri, tra Nord e Sud del mondo.

3. La preponderanza di popolazione giovane nel Continente nero a fronte dell’invecchiamento demografico dell’Occidente porterà inevitabilmente ad una diversa colorazione etnica anche nelle nostre città.

4. Occorre una visione di ampio respiro per essere in sintonia con la Storia. Non sarebbe saggio farsi trascinare dal livore e dalle miserie di una politica, quella italiana in particolare, che ha il corto respiro delle convenienze elettorali di parte. Alzare muri o chiudere porti non servirà a bloccare il cammino dell’umanità, da sempre alla ricerca del destino migliore per se stessa e per i propri figli.

5. Ultimo ma non ultimo: “ero straniero e voi mi avete accolto”. Questo messaggio, che si trova nel cuore del Vangelo e che in molti hanno dimenticato, rappresenta per me - cristiano convinto anche se non praticante - la stella polare che orienta il mio modo di vedere e di pensare il problema.

Problema gigantesco che va studiato e approfondito con serietà e competenza, senza fare ricorso a slogan propagandistici urlati nelle piazze e sui social ma che lasciano il tempo che trovano. Per me l’accoglienza e i porti aperti sono quindi fuori discussione ma una concreta, intelligente, tollerante integrazione è la sfida che ci attende nei prossimi anni e che nessun governo ha finora voluto o saputo affrontare.

Fatti sempre salvi il rispetto delle leggi (mi verrebbe da precisare: leggi "giuste", secondo il pensiero di don Milani), la ferma repressione degli abusi e la severa punizione per chi li commette.

lunedì 17 maggio 2021

Adam Kabobo il ghanese, il piccone e l'(in)civiltà dell'indifferenza





Ad armare la mano omicida di Adam Kabobo, in quella terribile giornata milanese dell'11 maggio 2013, fu certamente la follia.

Ma, valga quel che valga, la mia opinione è che in casi come questo la follia non agisce mai da sola e che a farla esplodere in modo pericoloso e imprevedibile sono obiettivi fattori ambientali oltre che insondabili meccanismi psicologici.

A scompaginare progressivamente la mente del giovane ghanese concorsero infatti altri inesorabili nemici.

Nemici subdoli, cinici, senza pietà: la fame, il freddo, l'isolamento, le delusioni, le frustrazioni, le umiliazioni accumulate giorno dopo giorno in una città inospitale, ostile. impermeabile al dolore degli altri; una vita vissuta nell'indifferenza generale, una scansione dolorosa e sempre uguale delle ore in una terra che non è più di Dio ma che appartiene ai singoli egoismi del mondo; una disperazione alimentata dal contatto quotidiano con persone sorde ai bisogni di una clandestino, irritate dalla sua stessa presenza, pronte ad allontanare persino lo sguardo da chi ha il solo torto di ritrovarsi con la pelle più scura. 

Mai un saluto, mai un sorriso, mai una pacca sulla spalla, mai una stretta di mano.

Soltanto crampi allo stomaco e un'infinita, insopportabile, impossibile solitudine-

Come può a lungo rimanere salda la psiche di un uomo in condizioni così estreme di disagio, di solitudine e di sofferenza?

Qualcuno sa dirmelo?

sabato 2 maggio 2020

Dieci consigli (non richiesti) agli utilizzatori di Facebook



Facebook è uno strumento micidiale. Può favorire amicizie, può far ritrovare vecchi compagni di scuola, può far incontrare persone simili per indole e per visione del mondo, può farti scoprire modi di pensare diversi, può farti apprezzare la poesia e la bellezza, può far tutto ma può anche distruggere rapporti personali, può provocare incomprensioni o anche determinare la definitiva rottura di amicizie con la stessa facilità con cui le ha create, può infine metterti nella spiacevole condizione di incrociare senza volerlo ruvidi provocatori di professione e pubblici dispensatori di offese gratuite. Per questo lo strumento va maneggiato con cura e usato con la massima prudenza. 
Le parole possono ferire più di quanto si pensi, un like non concesso può far male a chi magari se lo aspettava, un like dato con disinvoltura può ingenerare aspettative a volte ingiustificate. 
Sarebbe bene attenersi a qualche buona regola per non deludere e per non rimanere delusi dall'utilizzo poco attento di questo geniale e diffuso strumento di comunicazione. 
Ecco quindi, sulla base della mia piccola esperienza, alcuni consigli pratici che darei a chi decidesse oggi di aprire un account su Facebook o su altro social:
- non cercare di chiedere amicizie a destra o a manca solo per il piacere di aumentarne il numero.
Come nella vita i veri amici sono veramente pochi ed è meglio averne pochi, pochissimi, ma buoni. Oltre tutto diventa quasi impossibile gestirli tutti. Il numero massimo consigliato non dovrebbe superare i 100 e questo sarebbe già un bel numero;
- non affrontare mai temi religiosi o temi politici senza la dovuta cautela perché si rischiano incomprensioni e risse a non finire;
- non essere di manica larga e cliccare sul "mi piace" solo quando il post o il commento lo meritano;
- postare preferibilmente immagini tranquille di fiori, di paesaggi, di caffettiere fumanti e di tazzine di caffè che non offendono la suscettibilità di nessuno;
- fare frequente ricorso al poke per gli amici più assidui;
- preferire i più sbrigativi emoticon ad un commento scritto;
- ricercare in ogni caso la brevità e la sintesi. Nessuno è disposto a sorbirsi post lunghi e impegnativi;
- rimandare al proprio blog, se ne hai uno, o affidarsi alle note per gli argomenti che si vogliono trattare in modo più approfondito;
- evitare offese e turpiloquio;
- non depennare nessuno degli amici una volta che siano entrati a far parte della tua cerchia. La sensibilità delle persone è molto più elevata di quanto si crede.

mercoledì 15 aprile 2020

Jean Guitton


Ora, quale sarà l'avvenire della specie umana? Può darsi che la sua età adulta non sia ancora giunta e che questto istante di venti secoli dopo Gesù rappresenti una preinfanzia. Può darsi al contrario che l'esperienza sia durata abbastanza e sia sul punto di terminare. Ma, come ho detto sovente, il tempo non ha importanza. Assistiamo ad una specie di raggruppamento delle nazioni, ad un tentativo di ricapitolazione nell'unità. Ma attorno a quale principio, a quale centro e con quale molla? C'è, ai giorni nostri, un ESSERE, una IDEA, una ESISTENZA, che sia veramente capace di permettere agli uomini di unificarsi, di progredire, qualunque sia il loro livello, di riparare in un istante le loro perdite? Mi pare che la storia di Gesù, illuminata da quella delle epoche che l'hanno preceduta e dei venti secoli che l'hanno seguita, permetta di rispondere a questa interrogazione. Poiché noi abbiamo fatto quasi tutte le esperienze, abbiamo esaurito tutte le negazioni: e non c'è altro nome che possa essere pronunciato per dare all'uomo del sec. XX la speranza e la gioia.
J. Guitton, Gesù, Ed. Marietti

Questa la conclusione di un libro scritto una sessantina di anni fa. La risposta data dall'autore all'uomo del sec. XX  ritengo sia la stessa che si può dare anche (e forse di più) oggi all'uomo del sec. XXI, all'alba del quale sentimenti di disgregazione, di odio e di razzismo sono pericolosamente riemersi nel mondo (anche da noi!) e vanno esattamente in senso contrario a quel tentativo di ricapitolazione nell'unità.

sabato 28 marzo 2020

La benedizione urbi et orbi e la forza potente dei simboli.

Un Papa anziano dal passo ormai stanco e vacillante; una piazza San Pietro incredibilmente vuota non solo a motivo della pioggia battente; un severo Crocifisso ligneo dal volto scuro, posto a barriera del morbo di oggi come lo fu per la peste del 1500; un ostensorio dorato sollevato a fatica per benedire nelle tre direzioni un livido cielo di Roma; un suono di campane stranamente commisto al lamento di un’occasionale ambulanza di passaggio; un’inedita indulgenza plenaria concessa non “more solito” ma “gratis et amore Dei” a credenti, credenti così è così (quorum ego), miscredenti, atei, agnostici, insomma un'indulgenza data a tutti senza alcun obbligo da parte di chi voleva "lucrarla" (lucrare: orribile voce verbale, ambigua ed equivoca, che da ieri dovrebbe essere sparita dal vocabolario simoniaco della Penitenzieria Apostolica).
C’è chi sostiene, non senza qualche fondata ragione, che la Chiesa, oltre che Madre e Maestra, sia anche una poderosa Multinazionale ante litteram, divenuta nel tempo la più grande esperta di “marketing” e di tecniche ad esso collegate. Il suo primo “product manager” sarebbe stato Paolo di Tarso, mente fervida e geniale, che da subito concepì quell’ardita teologia della salvezza, sulla quale poggia l’intera religione cristiana.
Se ciò fosse vero, nella serata di ieri, la Chiesa ha superato se stessa con un’offerta “speciale” inattesa e straordinaria (comprensiva di indulgenza gratuita), che non sarebbe esagerato definire storica.
Il buon Martino, che proprio sul terreno delle indulgenze condusse un'aspra battaglia contro la Chiesa di Roma, avrebbe gradito non poco!



martedì 6 marzo 2018

Caporali e generali

Il volto aperto, sorridente e soddisfatto è quello di un giovane deputato appena eletto nel Movimento 5 Stelle. 
Si chiama Davide Galantino ed è di Bisceglie (BT).
Perché ho voluto inserirlo nel mio post?
Ho voluto farlo per rendere merito a questo ragazzo che proviene dal mondo con le stellette e per ringraziarlo di una cosa importante.
Provengo anche io da quel mondo e, solo fino a ieri, avevo visto salire nei Palazzi del potere unicamente generali con almeno tre-quattro stelle o, al massimo, qualche baldo sottufficiale. 
Mai - che io sappia - un semplice caporal maggiore. 
Anche se, a ben ricordare, un precedente illustre c'è già stato: Benito Mussolini era appunto un caporal maggiore dei bersaglieri. Ma quella è tutta un'altra storia.
Oggi saluto con piacere questa possibilità che viene data democraticamente a chiunque abbia la voglia e la passione di fare politica. E, per quanto riguarda i militari, a prescindere dai gradi.
Complimenti dunque al giovanissimo deputato e grazie al Movimento 5 Stelle. 
P.S.: vorrei però sommessamente ricordare al neo eletto - se mai mi leggerà - che anche quello della politica, al pari del servizio militare, è un nobile spendersi per gli altri e non un comodo alibi per rincorrere onori, vantaggi e privilegi.


mercoledì 4 ottobre 2017

Montanelli e i generali

Provengo, qualcuno lo sa, dal mondo delle stellette. 
È un mondo che per tanti anni è stato il "mio" mondo, un mondo che ho finito per amare profondamente e che mi ha dato la possibilità di venire in contatto con persone di grandi qualità umane. È pur vero che in questo mondo ho spesso incrociato palloni gonfiati, ho avuto a che fare con personaggi affetti da evidenti deliri di onnipotenza ma ho anche conosciuto tanti colleghi con i piedi per terra, leali, onesti, sinceri; ho anche avuto la fortuna di lavorare quasi sempre con gente semplice, concreta e senza grilli per la testa, quali erano in genere i nostri Sottufficiali; ho anche ammirato l'infinita pazienza e l'incredibile generosità di migliaia di giovani di leva, prima che nelle nostre caserme approdasse un esercito di mestieranti e mercenari.
Nel "mio" Esercito i valori dell'esempio, del sacrificio, della dedizione al dovere erano i pilastri sui quali venivano fatti poggiare, più che sul grado, il prestigio e il carisma dell'autorità.
A questi valori sono stato educato e a questi valori ho cercato di ispirarmi pur con tutti i miei limiti.
Ed è per questo che non ho mai sopportato che, nei gradi più elevati, ci fosse talvolta più di un'ombra ad offuscare una limpida adesione a quei valori nei quali ho sempre creduto da giovane ed ai quali, per fortuna, continuo a credere da vecchio.
Faccio tre nomi a caso per intenderci meglio: il generale Giudice, che, da Comandante della Guardia di Finanza, fu oggetto di un severo editoriale di Montanelli, il generale Speciale, anch'egli ex Comandante della Guardia di Finanza, il generale Rossi, ex Sottosegretario alla Difesa.
Forse qualcuno della mia età ricorderà le vicende del primo ai tempi - ormai lontani - dello scandalo petroli e la mancanza di lealtà del secondo nei confronti dell'allora Ministro Padoa Schioppa. 
Per quanto riguarda il terzo, è nota a tutti la recentissima e niente affatto edificante vicenda dell'assunzione di un figlio come assistente parlamentare da parte del collega di partito on. Caruso.
Di generali così (l'iniziale minuscola è voluta) faremmo molto volentieri a meno e, soprattutto, ne trarrebbe grande vantaggio l'Istituzione.
Ecco il servizio de "Le Iene" che ha scoperchiato la pentola.

Lettera al nipotino che sta per arrivare (2)

  Domenico Ghirlandaio - Adorazione dei pastori         Carissimo Edoardo,     i tuoi genitori hanno scelto per te questo bel nome elegante,...